Aliens - Scontro finale

Aliens

USA - 1986
Aliens - Scontro finale
Il capitano Ellen Ripley, ibernata per sessant'anni in un sofisticato contenitore del traghetto spaziale Nostromo, e quindi rimasta giovane, è l'unica sopravvissuta alla terribile disavventura che ha distrutto l'equipaggio dell'astronave. Le sue notti sono sconvolte da incubi ricorrenti, popolati dalle mostruose forme di vita incontrate sul pianeta Archeron, ora popolato da una colonia di pionieri. Quando le viene affidata la missione di scoprire il perché sia stato misteriosamente interrotto il contatto con quel remoto pianeta, Ellen si trova ad affrontare le spaventose proliferazioni del mostro a cui era sfuggita. Allora infatti c'era un solo alieno, ora ce ne sono innumerevoli, che si riproducono con ritmo frenetico, sempre più avidamente affamati di essere umani...
  • Altri titoli:
    Alien 2
  • Durata: 148'
  • Colore: C
  • Genere: FANTASCIENZA
  • Specifiche tecniche: PANORAMICA, EASTMANCOLOR
  • Tratto da: personaggi creati da Dan O'Bannon e Ronald Shusett
  • Produzione: GALE ANNE HURD PER TWENTIETH CENTURY FOX FILM CORPORATION, BRANDYWINE PRODUCTIONS, SLM PRODUCTION GROUP
  • Distribuzione: FOX - 20TH CENTURY FOX HOME ENTERTAINMENT, DE AGOSTINI (IL GRANDE CINEMA DEL TERRORE) - BLU-RAY: 20TH CENTURY FOX ENTERTAINMENT (2010)

NOTE

- EFFETTI SONORI: DON SHARPE.

- 2 OSCAR - MIGLIORI EFFETTI SPECIALI VISIVI, MIGLIORI EFFETTI SPECIALI SONORI (1986).

- DISPONIBILE IN HOME VIDEO LA VERSIONE DIRECTOR'S CUT. ALL'INTERNO IL "DIETRO LE QUINTE" E 17 MINUTI DI SCENE INEDITE SOTTOLINEATE IN ITALIANO.

CRITICA

"Tenetevi forte perché il giovane e irrispettoso James Cameron ('Titanic') non ha mezze misure: il suo viaggio tra le galassie vi farà saltare lo stomaco in gola: non per nulla si è guadagnato l'Oscar per gli effetti speciali. Certo non ha lo stile di Ridley Scott (autore del primo film della saga), ma quanto a ritmo e invenzioni sceniche, dà tranquillamente la paga a tutti". (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 6 febbraio 2003)

"Qualche tenue riferimento psicanalitico non è sufficiente a riscattare il film dall'impressione di macchinose congerie di situazioni orrende, tutto sommato ripetitive e noiose. Il ritmo è ossessivo, gli effetti speciali spettacolari e insistenti". ("Segnalazioni cinematografiche", vol. 102, 1987)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy