Al di là dell'odio

ITALIA - 1972
Al di là dell'odio
In una zona prossima ai territori che secondo gli accordi dovrebbero appartenere agli indiani Aricara, pionieri bianchi avanzano con prepotenze, e tentano di rendere brutali i pellirosse vendendogli sottobanco fucili e whisky. Dissepolta l'ascia di guerra Nuvola Nera compie delle autentiche spedizioni punitive con altrettanta determinazione e cattiveria. Vittima di tale situazione è la famiglia del coltivatore Joe, che viene distrutta a eccezione del piccolo George, lasciato semistordito, e della sorellina Kathy, che viene portata via dal capo degli Aricara e educata come figlia. Molti anni dopo, essendo ancora assai tesa la situazione, il colonnello Monson si prepara ad attaccare gli indiani e questi, essendo Nuvola Nera ormai vecchio, ottengono quale capo il bollente Cervo Volante. Il nuovo capo è promesso sposo di Loana, presunta figlia del vecchio capo: in realtà, è la sorella di George Wilson, il tenente che Monson incarica per una spedizione. Cervo Volante attacca Wilson, ne stermina la scorta e lo fa prigioniero. Loana, indotta a ricordare dal medaglione che trova al collo del fratello, lo riconosce e lo cura. La reazione del colonnello porta alla distruzione del villaggio degli indiani e alla prigionia dei pochi superstiti. Mentre si discute il destino degli indiani, un fanatico spara uccidendo Loana: Cervo Volante - lasciato per morto nel villaggio distrutto - si presenta e si uccide in segno di disperata protesta.
  • Durata: 81'
  • Colore: C
  • Genere: WESTERN
  • Specifiche tecniche: CINEMASCOPE TECHNICOLOR
  • Produzione: GLOBARS
  • Distribuzione: REGIONALE
  • Vietato 14

CRITICA

Sproporzionato nei suoi blocchi narrativi - tratti peraltro da motivi western arcinoti - interpretato e diretto mediocramente, questo film manca di un minimo di consistenza. La ricerca dell'effetto spicciolo e plateale, inoltre, lo induce a esprimersi in scene brutali che non soltanto intaccano seriamente il tema antirazzista, ma lo sommergono con efferatezze tutt'altro che costruttive. Lo stesso suicidio del protagonista indiano è di equivoco significato. (Segnalazioni Cinematografiche).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy