Al bar dello sport

ITALIA - 1983
Al bar dello sport
Lino, emigrato pugliese a Torino, vive di un misero lavoro ai mercati generali, ed è ospite di una sorella e di un cognato che non lo sopportano, perseguitato da un boss mafioso al quale deve dei soldi, innamorato della bella cassiera del 'Bar Sport' che frequenta assiduamente in compagnia di alcuni amici, disperati come lui. Finché un giorno, seguendo il suggerimento di Parola, sguattero muto del bar, non azzecca uno strepitoso "tredici" al totocalcio da un miliardo e trecento milioni. Tutti, sospettandolo come l'autore della vincita, diventano improvvisamente gentili con Lino, cercando in questo modo di assicurarsi i riflessi dell'improvviso benessere piovutogli addosso. Lino però, con l'aiuto di Parola, riesce ad eludere la caccia, e dopo aver inutilmente sollecitato a scappare con lui la cassiera (che stufa d'aspettarlo aveva sposato il padrone del bar), fugge con Parola, con destinazione la Francia. Ma a Sanremo, dove i due soci s'erano fermati a passare la notte in dolce e mercenaria compagnia, Parola non resiste alla tentazione di fare una puntatina al casinò, dove perde tutti i soldi. Lino, disperato, accortosi del fatto, si precipita al casinò con il pentito Parola e con la sua nuova amica; e con gli ultimi spiccioli vinceranno tre miliardi, e saranno tutti felici e contenti.
  • Durata: 100'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA
  • Specifiche tecniche: PANORAMICO, TELECOLOR
  • Produzione: PIO ANGELETTI E ADRIANO DE MICHELI PER INTERNATIONAL DEAN FILM, DEAN FILM
  • Distribuzione: MEDUSA - AVO FILM, PANARECORD

NOTE

- ESTERNI GIRATI A TORINO E SANREMO.

CRITICA

"Una commedia a livello modesto, ma accettabile e abbastanza divertente. Ottima l'idea di non far parlare Calà fino all'ultima scena. Un prodotto medio che supera agevolmente dottoresse, infermiere e poliziotte della commedia nostrana". (Francesco Mininni, Magazine italiano tv)

"Una commedia innocua ma grossolana, ingarbugliata e in sostanza, piuttosto deprimente: l'impressione è che la storia di base si trascini stancamente senza entusiasmo e che quindi il film non finisca mai". (Laura e Morando Morandini, Telesette)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy