Adults in the Room

FRANCIA, GRECIA - 2019
3/5
Adults in the Room
Dietro alle porte chiuse si consuma una tragedia umana. Un tema universale, una storia di persone intrappolate in una spietata rete di potere. Il brutale circolo degli incontri dell'Eurogruppo, ha imposto alla Grecia la dittatura dell'austerità, con il totale disprezzo per l'umanità e la compassione. Una trappola claustrofobica senza via d'uscita, che esercita pressione sui protagonisti fino a farli dividere. Una tragedia greca nel senso antico del termine: i personaggi non sono buoni o cattivi, ma guidati dalle conseguenze delle loro idee su cosa sia giusto fare. Una tragedia dei nostri tempi moderni.
  • Durata: 124'
  • Colore: C
  • Genere: BIOGRAFICO, DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: SCOPE
  • Tratto da: libro "Adulti nella stanza. La mia battaglia contro l'establishment dell'Europa" di Yanis Varoufakis (ed. La nave di Teseo)
  • Produzione: MICHÈLE RAY-GAVRAS, ALEXANDRE GAVRAS PER KG PRODUCTIONS, WILD BUNCH, ELLE DRIVER, FRANCE 2 CINEMA, ODEON SA

RECENSIONE

di Gian Luca Pisacane

Costa-Gavras e il suo cinema in movimento. Palazzi, corridoi, tavoli, sedie, e una miriade di politici che si scannano: elementi statici ai quali il regista regala una sorprendente vitalità. I suoi protagonisti si alzano, vanno a fronteggiare gli avversari a muso duro, si siedono, si agitano, attraversano le stanze con ampie falcate. E l’azione si alimenta della gestualità dei suoi interpreti.

La macchina da presa li incalza con campi e controcampi serrati, li stritola nei primi piani. A volte passa da un oratore all’altro senza staccare, mantenendo la stessa inquadratura. È una danza, come quella che viene mostrata al pubblico in una delle ultime sequenze. Il primo ministro greco Alexis Tsipras è assediato dall’Europa, guidata dalla Germania. I capi di Stato si muovono compatti verso di lui, e, quando prova a reagire, lo imprigionano in un cerchio, lo prendono a braccetto, lo fanno ballare come una marionetta. L’unica salvezza è una porta con sopra scritto “Exit”, che rappresenta il referendum per la Grexit del 2015. Ma oltre c’è un’inquietante oscurità, quindi è meglio fare un passo indietro.

Questa è la sintesi della crisi finanziaria: un girotondo mortuario, una spirale da inferi. Numeri, dati, prospetti, da cui dipende l’esistenza di una nazione. Costa-Gavras utilizza un tono grottesco, attacca le istituzioni, fa riflettere sull’animo meschino di chi siede ai posti di comando. Più la carriera porta in alto, più scende l’onestà. E la stoccata finale arriva da Christine Lagarde, all’epoca direttrice del Fondo Monetario Internazionale: “Servirebbero degli adulti in questa stanza”, dice sottovoce mentre i ministri si arroccano sulle loro posizioni e si “tengono il muso”. Adults in the Room, ovvero ciò che non si è mai potuto avere.

Si torna a Il cacciatore di teste (l’economia che spinge l’uomo comune verso l’omicidio), a Le Capital (banche europee, trattative al limite). Denaro, ambizioni, follia. Costa-Gavras mette in scena l’intera escalation, e ancora una volta si schiera dalla parte del popolo. La sua è una condanna perenne verso l’orgia del potere (Z – L’orgia del potere, forse il suo capolavoro), verso chi non scende a compromessi e impone la propria volontà sui più deboli.

Il punto di vista è quello di Yanis Varoufakis, il ministro che cercò una via d’uscita all’austerità imposta dall’Europa. Il film è tratto dal suo libro Adults in the Room – My Battle with Europe deep Establishment. La realtà che si fa finzione, prima su carta e poi sullo schermo. Vengono in mente le parole di Nanni Moretti in Santiago, Italia: “Io non sono imparziale”. Non lo è Costa-Gavras, non deve esserlo la platea. Che può anche scegliere di rigettare questa versione dei fatti, e puntare il dito contro Varoufakis. La Grecia a processo, l’Europa a processo, noi al banco dei testimoni. Mentre un verdetto non è stato ancora raggiunto.

NOTE

- FUORI CONCORSO ALLA 76. MOSTRA INTERNAZIONALE D'ARTE CINEMATOGRAFICA DI VENEZIA (2019).

- REALIZZATO CON IL SUPPORTO DI: AIDE AUX CINEMAS DU MONDE, CENTRE NATIONAL DU CINEMA ET DE L'IMAGE ANIMEE, INSTITUT FRANÇAIS, GREEK CASH REBATE PROGRAM BY THE NATIONAL CENTRE OF AUDIOVISUAL MEDIA AND COMMUNICATION (EKOME SA), LA REGION PROVENCE-ALPES-COTE D'AZUR ; IN PARTNERSHIP CON: CENTRE NATIONAL DU CINEMA ET DE L'IMAGE ANIMEE, FRANCE TELEVISIONS, ELLE DRIVER, CANAL +, CINE +.
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy