Acciaio

ITALIA - 1933
Terni, 1933. Mario e Pietro, amici da tempo, litigano a causa di Gina, una ragazza di cui sono entrambi innamorati, ma sono costretti a lavorare faccia a faccia in acciaieria. A causa di un incidente sul lavoro Pietro muore e la colpa ricade su Mario che, considerato quasi un assassino, è costretto ad allontanarsi. Ma l'amore per Gina e la sua onestà verso il lavoro, lo fanno tornare sulle sue decisioni.

CAST

NOTE

- IL FILM E' STATO GIRATO NEGLI STUDI CINES.

- DURANTE LA LAVORAZIONE CAMBIO' VARIE VOLTE IL TITOLO DA "ACCIAJARIA" AD "ACCIAJERIE" A "LE ACCIAJERIE DI TERNI".

- SECONDO IL DIZIONARIO DEL CINEMA ITALIANO ED. GREMESE, IL SOGGETTO VA ATTRIBUITO NON A LUIGI MA A STEFANO PIRANDELLO CHE SI FIRMAVA "STEFANO LANDI".

CRITICA

"Dalla Cines di Emilio Cecchi, un soggetto tratto da Pirandello. Sullo sfondo delle acciaierie di Terni, la rivalità in amore fra due operai e un incidente sul lavoro provocano un clima accusatorio verso il superstite, che entrerà in crisi. Ma lo salverà l'amore. Dal regista tedesco di "Berlino-Sinfonia di una grande città".
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy