A suon di lupara

ITALIA - 1967
Claudio Chiaramonti svolge il suo non facile incarico di procuratore della Repubblica, risoluto a combattere le ingiustizie imposte e subite nella comunità siciliana in cui vive in nome d'una plurisecolare abitudine al silenzio ed al pregiudizio. Ma Claudio non tarda ad accorgersi che i pregiudizi sono più duri a morire di quanto non si creda e che nessuno in realtà, ne è esente. Il procuratore ha da poco sposato una francese, Lucienne, che si lega d'amicizia con Roberta, sorella minore di Claudio, la quale ostenta abitudini e costumi assai liberi. Costei è tornata a casa per chiedere del denaro portando con sé Richard, suo amante e sfruttatore. Questi non solo seduce la servetta di casa Chiaramonti, ma cerca di corteggiare Lucienne. E' la giovane donna, in un momento di sconforto, dovuto al fatto di avere appreso che lei e Claudio insieme non potranno avere mai figli, viene drogata e posseduta da Richard. Dell'accaduto la donna non ha colpa ma Claudio, quando sa che Lucienne aspetta un figlio, rifiuta di riconoscerlo come proprio. Il suo crudele parere è che il buon nome della famiglia esige che la creatura non nasca. Solo Roberta dimostra insospettata onestà d'animo difendendo fermamente la cognata, che non intende piegarsi alla volontà del marito. Alla fine Claudio meditato e compreso il suo torto di voler usare pesi e misure diverse secondo che si tratti di problemi propri o altrui, perdona Lucienne.
  • Durata: 94'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: CROMOSCOPE EASTMANCOLOR
  • Produzione: MORRIS FILM
  • Distribuzione: REGIONALE
  • Vietato 14
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy