7 Km da Gerusalemme

ITALIA - 2006
7 Km da Gerusalemme
Alessandro Forte è un pubblicitario 43enne che a causa di una grave crisi esistenziale decide di intraprendere un viaggio a Gerusalemme. Giunto nei pressi di Emmaus, Alessandro incontra un uomo che dice di essere Gesù. Al suo iniziale sgomento e scetticismo, segue un intenso legame tra i due uomini, fatto di domande e risposte che porteranno ad un profondo cambiamento nella vita di Alessandro.
  • Durata: 108'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Tratto da: romanzo omonimo di Pino Farinotti (Edizioni San Paolo)
  • Produzione: GRAZIANO PROTA PER ARTIKA FILM PRODUCTION, RAI CINEMA
  • Distribuzione: MEDIAFILM (2007)
  • Data uscita 4 Maggio 2007

RECENSIONE

di Cristina Scognamillo
Un uomo comune, un viaggio inaspettato, una serie di incontri, uno straordinario: quello con Gesù. Che sia reale o meno, non ha importanza. L'importante è ritrovare se stessi. Compiere un cammino che porti a scoprire (o riscoprire) qualcosa di profondo che sembrava essere perduto per sempre. Questa in estrema sintesi la chiave di lettura di 7 km da Gerusalemme il film di Claudio Malaponti con Luca Ward, Alessandro Haber, Alessandro Etrusco e Rosalinda Celentano, tratto dall'omonimo romanzo di Pino Farinotti (ed. San Paolo). Un libro che ha ottenuto numerosi riconoscimenti di critica e pubblico e i cui diritti per i paesi arabi sono stati acquistati, proprio in occasione del film dal produttore locale, Nabil Toumeh. La storia è quella di Alessandro Forte (Luca Ward) un pubblicitario in crisi, inquieto che si trova quasi per caso (destino?) a partire per Gerusalemme. E' tra la sabbia e le dune dell'arido deserto, sulla strada che porta a Emmaus, che incontra un uomo che gli dice di essere Gesù. Alessandro non gli crede, pensa piuttosto che sia un'artista di strada. Comincia a fargli molte domande... Girato in Siria, in zone che fino a quel momento erano interdette alle troupe del nostro paese, come l'aeroporto per esempio, il film di Malaponti è interessante specie per il tentativo di costruire un ideale ponte tra Oriente e Occidente in un particolare e delicato periodo (la produzione risale al 2005).

NOTE

- L'USCITA DEL FILM PREVISTA PER IL 6 APRILE E' STATA BLOCCATA A CAUSA DI UN CONTENZIOSO CON LA MULTINAZIONALE PRODUTTRICE DELLA 'COCA-COLA' CHE HA CHIESTO DI ELIMINARE LA SEQUENZA IN CUI GESU'/LUCA WARD BEVE LA CELEBRE BIBITA. IN SEGUITO, COMPRENDENDO CHE LA BIBITA VIENE USATA COME SIMBOLO UNIVERSALE DELL'ERA CONTEMPORANEA, SENZA ALCUN INTENTO OFFENSIVO, LA COCA COLA HA CONSENTITO CHE SI MANTENESSE IL MARCHIO ALL'INTERNO DELLA SEQUENZA.

CRITICA

"Il film si rifà alla cena ad Emmaus, dal Vangelo di Luca, ma lo traspone ai giorni nostri, grazie alla vicenda di Alessandro (Luca Ward), pubblicitario in crisi, che incontra Gesù a Gerusalemme. Il Nazzareno lo prende come discepolo e, mentre scorrono i flashback della vita di Alessandro, si percepiscono come in una parabola, l'evoluzione spirituale del pubblicitario, insieme con la vacuità e le patetiche illusioni del mondo contemporaneo. Ma, malgrado alcuni spunti interessanti e le buone prestazioni degli attori, il film manca di magia. E, girando in modo così didascalico una storia che tutti conoscono già, non è certo facile inchiodare gli spettatori alle poltrone." (Roberta Bottari, 'Il Messaggero', 4 maggio 2007)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy