30 giorni di buio

30 Days of Night

USA, NUOVA ZELANDA - 2007
30 giorni di buio
Ogni anno, quando l'oscurità avvolge per un mese l'isolata cittadina di Barrow, in Alaska, gli abitanti sono costretti a combattere contro un'orda di insaziabili vampiri assetati di sangue che seminano morte e distruzione.
  • Durata: 113'
  • Colore: C
  • Genere: HORROR, THRILLER
  • Specifiche tecniche: TECHNICOLOR
  • Tratto da: omonima graphic novel di Steve Niles e Ben Templesmith
  • Produzione: GHOST HOUSE PICTURES, DARK HORSE ENTERTAINMENT, COLUMBIA PICTURES
  • Distribuzione: MEDUSA (2008)
  • Data uscita 8 Febbraio 2008

TRAILER

NOTE

- LA REVISIONE MINISTERIALE DEL 19 AGOSTO 2009 HA ELIMINATO IL DIVIETO AI MINORI DI 14 ANNI.

CRITICA

"Era dai tempi di 'Blade 2' di Guillermo Del Toro che non si vedevano dei vampiri così belli al cinema. (...) Finale con colpo di scena e struggente momento di morte poetica molto simile alla scena più bella di 'Blade 2'. Da una graphic novel di classe ecco un horror realmente originale per ambientazione ed eleganti effetti splatter che inondano la neve di sangue e immagini che faremo fatica a scordare. Il figlio di John Huston conferma di essere un attore dal talento mostruoso." (Francesco Alò, 'Il Messaggero', 8 febbraio 2008)

"L'Alaska di '30 giorni di buio' di David Slade è... la Nuova Zelanda con neve artificiale. Eppure
l'ambientazione - un paese di 150 abitanti, per un mese l'anno senza sole - è la vera trovata di una
storia che mescola il polare la cosa da un altro mondo al vampiresco Van Helsing. Nell'epoca dei telefonini, gli sceneggiatori devono trovare un pretesto per isolare una comunità: qui sarebbe bastato distruggere l'unico ripetitore, invece si fanno bruciare tutti i telefonini del circondario! E si mette alla testa dei dentatissimi invasori, una dozzina, un riflessivo quarantenne (Danny Huston) - con cappotto Armani portato aperto nella tormenta! -, ma incapace di capire che, privando del riscaldamento le cinquanta case del borgo, ne sniderebbe i superstiti. Josh Hartnett, lo sceriffo, ha due espressioni: col cappuccio e senza." (Maurizio Cabona, 'Il Giornale', 8 febbraio 2008)

"Naturalmente chi non ama l'horror non troverà nel film molto di cui compiacersi, ma gli affezionati del genere, oltre ad apprezzare quella curiosa novità di vampiri in campo trenta giorni di seguito, non mancheranno di trovare nella sua rappresentazione delle occasioni di interesse: tra ansie, paure, sorprese. Nei panni dello sceriffo, Josh Harnett, reduce, con successo, da 'Sin City' di Rodriguez e da 'The Black Dahlia' di De Palma." (Gian Luigi Rondi, 'Il Tempo', 8 febbraio 2008)

"'30 giorni al buio' è una serie B promossa a categoria produttiva superiore, ma di concezione basica. Insomma le orrende creature arrivano quasi subito e per la restante ora e mezza cercano di sbranare gli umani, che restano infettati. I superstiti si nascondono, i mostri li trovano è così via daccapo. Per un po' il gioco è abbastanza eccitante, ma alla lunga stanca: né bastano la moltiplicazione delle truculenze o le bambine prese a prestito dalla 'Notte dei morti viventi' per rilanciare la paura." (Roberto Nepoti, 'la Repubblica', 8 febbraio 2008)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy