14 kilómetros

SPAGNA - 2007
3/5
14 kilómetros
14 chilometri è quanto misura esattamente lo Stretto di Gibilterra, distanza che separa l'Africa dall'Europa. Non sono tanti, ma a volte bastano a costituire una barriera per i sogni di quanti stanno tentando di lasciarsi alle spalle una vita di miseria e privazioni. Mukela, un ragazzo malese, si è lasciato convincere da suo fratello Buba a lasciare la loro terra per andare in Europa e inseguire il sogno di diventare un famoso calciatore; Violeta, invece, sta fuggendo da un matrimonio impostole dai suoi genitori. I tre diventeranno, loro malgrado, compagni di viaggio e si ritroveranno ad attraversare insieme il deserto del Sahara e l'Algeria, diretti in Marocco. Il loro viaggio sarà lungo e duro, e nel frattempo Mukeba e Violeta scopriranno il significato della solidarietà, dell'amore e della disperazione...
  • Altri titoli:
    14Km
    14 Kilometers
  • Durata: 95'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: 35 MM (1.85:1)
  • Produzione: JOSÉ MARÍA MORALES, ÓSCAR PORTILLO PER WANDA VISIÓN S.A., EXPLORA FILMS
  • Distribuzione: BOLERO FILM (2010)
  • Data uscita 28 Maggio 2010

TRAILER

RECENSIONE

di Gianluca Arnone

14 chilometri. Tanti ne misura lo Stretto di Gibilterra. 14 chilometri per lasciarsi l’Africa alle spalle e mettere i piedi in Europa, terra dei balocchi dove nessuno piange miseria, che i soldi stanno anche sotto i sassi. Buba ne è convinto, tanto da vendere tutto ciò che ha e partire col fratello Mukela per il più disperato dei viaggi della speranza. Vi si unirà anche Violeta, in fuga da un matrimonio che non vuole. Dal Mali all’Algeria, da qui alla Spagna, su camioncini stracarichi e piedi sfasciati, strade di fortuna e barconi come bare sul mare. Con loro – a distanza di pudore – Gerardo Olivares, che filma con 14 Kilometros l’odissea senz’epica dei dannati del pianeta, esuli “da una terra che li odia per un’altra che non li vuole” (I. Fossati). Uno sguardo al servizio dei personaggi, di cui condivide la fatica ma non la disperazione, sfiorando la pietà che non cede alla commiserazione. Genuino, forse persino brado, teso tra l’estasi immobile dei paesaggi e la calma di una natura che avvolge ma non soccorre. Fermo nell’inchiodare la crudeltà del potere sulla croce dei poveri. Morale nel restituire al digitale una forte ragion d’essere, l’occhio sottratto ai pochi per essere rivolto a tutti. Invisibili in primis.

2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy