...E giustizia per tutti

And justice for all

USA - 1979
A Baltimora, il giovane avvocato Arthur Kirkland sbatte inutilmente il capo contro il muro di un sistema giudiziario che, anziché servire alla giustizia nella quale egli crede, offre a giudici o capricciosi o corrotti le armi dei cavilli legati per infierire sproporzionatamente sui colpevoli oppure per distruggere degli innocenti spediti in prigioni tutt'altro che educative. Il giudice Rayford, uno stravagante vecchietto, offrendo ad Arthur la sua disinteressata amicizia, tenta di sorreggerlo nell'impari lotta mediante l'offerta di svaghi pazzeschi che il quadrato giovanotto non riesce ad apprezzare. Un maggiore sostegno Kirkland lo riceve dal vecchio genitore Sam che lui puntualmente va a trovare ogni settimana sino a che, troppo preso dagli sviluppi successivi, non lo abbandona per un mesetto sino a provocarne la totale involuzione senile. Ma il vero avversario del giovane idealista è il giudice Henry Fleming, un sadico che ha condannato alla prigione e ha spinto ad un fatale gesto di rivolta un innocente cliente di Arthur. Una reazione dell'avvocato lo ha già fatto incappare nell'inchiesta da parte di una commissione che dovrebbe tutelare la serietà forense. All'improvviso si viene a sapere che il giudice Fleming è stato accusato da una ragazza di violenza carnale e di sadismo. L'accusato, deciso a volgere a proprio favore il processo sul piano politico, elegge come difensore proprio il nemico notorio, convinto che con la sua bravura e rettitudine riuscirà a farlo scagionare. Kirkland, ormai giunto alla disperazione, nell'arringa denuncia la colpevolezza del proprio cliente e rovina per sempre la propria carriera.
  • Durata: 119'
  • Colore: C
  • Genere: SOCIALE
  • Specifiche tecniche: NORMALE
  • Produzione: N. JEWISON E B. LEVINSON
  • Distribuzione: COLUMBIA CEIAD - COLUMBIA TRISTAR HOME VIDEO

CRITICA

"Spettacolarmente molto valido anche per la graduale drammaticità e per l'equilibrato inserimento di momenti distensivi, il film nelle tesi che sostiene possiede l'unico torto di averne messe insieme un po' troppe e di sostenerle per mezzo di casi limite." (Segnalazioni cinematografiche, vol. 89, 1980))
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy