Sabrina Ferilli

FIANO ROMANO, Roma (Italia), 28 giugno 1964
 

BIOGRAFIA

Sabrina Ferilli
Attrice. Figlia dell'ex capogruppo del PCI alla Regione Lazio e di una casalinga. Muove i primi passi nel mondo dello spettacolo in una compagnia teatrale del suo paese. Dopo aver tentato, senza successo, di entrare al Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma, nella seconda metà degli anni '80 inizia ad apparire sul grande schermo nei film "Caramelle da uno sconosciuto" (1986) di Franco Ferrini e "Portami la luna" (1986) di Carlo Cotti. Successivamente ottiene ruoli più o meno importanti finché si mette in evidenza con i film "Americano rosso" (1991) di Alessandro D'Alatri, "Diario di un vizio" (1993) di Marco Ferreri, "La bella vita" (1994) di Paolo Virzì - che le vale il Nastro d'Argento come miglior attrice - "Vite strozzate" (1995) di Ricky Tognazzi e "Ferie d'agosto" (1996) dello stesso Virzì. Nel 1994 inizia a recitare in teatro negli spettacoli di Garinei e Giovannini "Alleluia brava gente" (1994/95), "Un paio d'ali" (1998) e "Rugantino" (1998, 2000/01). Dal 1996 lavora anche per la televisione affiancando Pippo Baudo e Valeria Mazza nella conduzione del 46mo Festival di Sanremo ed è protagonista di una serie di fiction - "Il padre di mia figlia" (1996), "Leo & Beo" (1997), "Commesse" 1(1998) e 2 (2002), "Le ali della vita" 1(1999) e 2 (2000), "Almost America" (2001) - mentre nel 2002 presenta insieme a Lucio Dalla la trasmissione "La bella e la besthia".

FILMOGRAFIA

2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy