Roger Deakins

Noto anche come: Roger A. Deakins

TORQUAY, Devon (Inghilterra), 24 Maggio 1949
 

BIOGRAFIA

Roger Deakins
Direttore della fotografia. La sua passione fin da ragazzo è la fotografia e, prima di entrare alla National Film and Television School di Londra, trascorre un anno nel Nord Devon, in Inghilterra, documentando lo stile di vita dei contadini e delle popolazioni dei villaggi. Inizia la sua carriera lavorando come cameraman e assistente di produzione per alcuni documentari come "Welcome to Britain" (1975), "Empty Hand" (1977), "Van Morrison in Ireland" e "Blue Suede Shoes" entrambi del 1980. Cura inoltre diversi documentari sull'Africa, dedicati a paesi come lo Zimbabwe, devastato dalla guerra civile, Sudan ed Eritrea. Parallelamente ai documentari comincia a dedicarsi ai lungometraggi, prima in Inghilterra e poi negli Stati Uniti. Lavora assiduamente come direttore della fotografia per molti film di successo come "Misfatto bianco" (1987) - due nomination ai BAFTA Awards - "Stormy Monday - Lunedì di tempesta" (1988), "Le montagne della luna" (1990) e "Barton Fink - È successo a Hollywood" (1991) dei fratelli Coen, che riceve tre nomination agli Oscar e ottiene la Palma d'Oro al 44° Festival di Cannes. Con quest'ultimo film inizia il sodalizio tra Deakins, Ethan e Joel Coen, lavorando in tutti i loro film, sempre come direttore della fotografia. Da "Fargo" (1997) - vincitore di due Oscar e dei BAFTA - a "Il grande Lebowski" (1998), passando per "Fratello, dove sei?" (2000) - per il quale viene candidato agli Oscar per la migliore fotografia - "L'uomo che non c'era" - grazie al quale ottiene l'AFI Award - il pluripremiato "Non è un paese per vecchi" (2007) - vincitore di quattro premi Oscar e degli AFI Award - fino a "Il Grinta" (2010) per il quale viene candidato nuovamente all'Oscar e vince il premio BAFTA 2011. Oltre ai film dei fratelli Coen, lavora per pellicole di successo come "Le ali della libertà" (1994) di Frank Darabont, "Dead Man Walking - Condannato a morte" (1995) di Tim Robbins, "Hurricane - Il grido dell'innocenza" (1999) di Norman Jewison, "The Village" (2004) M. Night Shyamalan e "Nella valle di Elah" (2007) di Paul Haggis. Ottiene quattro nomination, nell'arco di due anni, sia agli Academy Awards che agli American Society of Cinematographers Award per: "Non è un paese per vecchi", "L'assassinio di Jesse James per mano del codardo Robert Ford" (2007) e "The Reader - A voce alta" (2008). Mentre il film di Sam Mendes "Revolutionary Road" (2008), gli procura solamente una nomination agli American Society of Cinematographers Award e non agli Oscar. Dal 1986 fa parte della British Society of Cinematographers (BSC), dal 1994 dell'American Society of Cinematographers (ASC) e, dal 2004 al 2007, è stato nel 'Board of Governors' degli Academy of Motion Picture Arts and Sciences.

FILMOGRAFIA

2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy