Max von Sydow (Carl Adolf von Sydow)

LUND (Svezia), 10 Aprile 1929
PARIGI (Francia), 8 Marzo 2020
 

BIOGRAFIA

Max von Sydow
Attore. Figlio di un professore di etnologia all'Università di Lund, coltiva la sua passione di attore fin dai tempi del liceo, quando insieme ad alcuni amici fonda un club teatrale. Dopo il servizio militare si iscrive all'Accademia Reale di Stoccolma dove studia dal 1948 al 1951, facendosi un'ottima reputazione come attore classico recitando nei teatri di Malmoe, allora diretto da Ingmar Bergman, e di Halsingborg. Nei quattro anni successivi al diploma, diventa uno degli attori più noti e stimati dei Paesi scandinavi. Nel 1954, a soli 25 anni, riceve il prestigioso Royal Foundation Culture Award. La sua carriera abbraccia un arco di tempo di circa cinquanta anni durante i quali gira più di 80 film. Con il regista svedese Ingmar Bergman lavora in dieci film, tra i più famosi ricordiamo "Il settimo sigillo" (1957), dov'è il cavaliere che gioca a scacchi con la Morte, film con cui ottiene un premio speciale al Festival di Cannes e "La fontana della vergine" (1960), 'Come in uno specchio' (1961), 'Luci d'inverno' (1963), 'L'ora del lupo' (1968) e la sua carriera acquista spessore internazionale. Altri film che lo hanno reso celebre sono "L'esorcista" (1973) per il quale ottiene una nomination all'Oscar come migliore attore, e "I tre giorni del condor" (1980). A Hollywood interpreta, inoltre, Gesù in 'La più grande storia mai raccontata' (1964. Tra i tanti film della sua lunga e cosmopolita carriera, il dittico 'Karl e Kristina' (1971) e 'La nuova terra' (1972), 'La morte in diretta' (1980), 'Flash Gordon' (1980), 'Hannah e le sue sorelle' (1986). Attivo anche nel cinema italiano, lo troviamo nel cast di 'Cadaveri eccellenti' (1976), 'Il deserto dei Tartari' (1976), 'Gran bollito' (1977), 'Quo vadis?' (1985), 'Non ho sonno' (2001). Molto amato dagli autori europei, da Wim Wenders ('Fino alla fine del mondo', 1991) a Lars von Trier ('Europa', 1991), partecipa al biopic su Bergman 'Con le peggiori intenzioni' (1993) e all'esordio dell'amica e collega Liv Ullmann ('Conversazioni private, 1997). In tarda età è apparso anche in molti film americani. Da 'Minority Report' (2002) a 'Shutter Island' (2010) fino a 'Star Wars: Il risveglio della Forza' (2015). Recentemente ha preso parte anche a 'Il trono di spade' (2016). Presente in oltre un centinaio di film e lavori televisivi, Max von Sydow è stato nominato due volte al Premio Oscar: nel 1989 come miglior attore protagonista per 'Pelle alla conquista del mondo' e nel 2012 come miglior attore non protagonista per 'Molto forte, incredibilmente vicino'. Dal 1960 è diventato socio del Teatro drammatico di Stoccolma e ha continuato a recitare in teatro tra un film e l'altro. L'attore è stato sposato due volte, nel 1951 con Christina Olin, da cui ha divorziato nel 1996, e nel 1997 con Catherine Brelet. Ha due figli: Claes e Henrik.

FILMOGRAFIA

2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy