Manuel De Sica

ROMA (Italia), 24 febbraio 1949
ROMA (Italia), 5 dicembre 2014
 

BIOGRAFIA

Manuel De Sica
Compositore. Figlio di Vittorio De Sica e Maria Mercader e fratello maggiore di Christian De Sica. La sua formazione musicale, contemporanea alla frequentazione del liceo classico, avviene al Conservatorio di Santa Cecilia e la prima esperienza concreta è con il gruppo musicale 'The Ancients', formato con alcuni amici e con il quale fece alcune apparizioni televisive e incise due 45 giri. Subito dopo aver composto, nel 1968, la colonna sonora per il film del padre "Amanti" firma il commento musicale per la serie televisiva "FBI - Francesco Bertolazzi investigatore", che aveva come protagonista e regista Ugo Tognazzi. L'impegno per il cinema aumenta e si intensifica, e contemporaneamente si dedica alla composizione di musica sinfonica e di musica da camera con sonate per arpa, per clarinetto, e altri strumenti solisti. Per "Il giardino dei Finzi Contini" diretto anch'esso dal padre, ottiene una nomination all'Oscar. Con oltre 70 colonne sonore realizzate in carriera ha fortemente caratterizzato tanta parte del cinema italiano, a partire dai film del padre con il quale ha lavorato per sei titoli: fra i registi con i quali ha collaborato figurano Pasquale Squitieri, Steno (Stefano Vanzina), Carlo Vanzina, Mario Camerini, Dino Risi, Marco Risi, Luigi Comencini, Enrico Oldoini, Maurizio Nichetti, Carlo Verdone, Carlo Lizzani, Neri Parenti. Numerose anche le collaborazioni con il fratello Christian De Sica. Fra i registi stranieri che hanno utilizzato le sue colonne sonore spiccano Claude Chabrol e Gene Wilder. Nel 1974 dirige anche un film televisivo, "L'eroe", che vede tra gli interpreti sempre suo padre. Nel 1989 ottiene il Globo d'Oro della Stampa Estera per la colonna sonora di "Ladri di saponette" di Maurizio Nichetti. Nel 1992 vince il Nastro d'Argento per "Al lupo, al lupo" di Carlo Verdone, seguito nel 1996 dal David di Donatello per la colonna sonora di "Celluloide" di Carlo Lizzani. Nel 2012 gli viene assegnato un premio speciale al festival Alabarda d'oro, e nel 2013 viene premiato per la sezione Saggistica per il libro "Da figlio a padre" al Premio Nazionale Vincenzo Padula 2013. Muore a causa di un attacco cardiaco a soli 65 anni.

FILMOGRAFIA

2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy