Igort (Igor Tuveri)

CAGLIARI (Italia), 26 Settembre 1958
 

BIOGRAFIA

Autore di fumetti, illustratore, saggista e musicista. Lavora dalla fine degli anni Settanta e alcune tra le sue prime storie appaiono sulla rivista "Il pinguino", da lui fondata, alla quale parteciperanno anche Giorgio Carpinteri, Lorenzo Mattotti, Daniele Brolli, Roberto Baldazzini. Dagli anni Ottanta i suoi fumetti appaiono sulle pagine di molte riviste nazionali e internazionali tra cui "Linus", "Alter", "Frigidaire", "Metal Hurlant", "L'echo des Savanes", "Vanity", "The Face". Scrive i suoi articoli, saggi, riflessioni, per "Il Manifesto", "Reporter", "Corriere della Sera", "La Repubblica". Nel 1983, insieme a Brolli, Carpinteri, Jori, Kramsky e Mattotti, è fondatore di Valvoline, un gruppo di autori che, ispirandosi alle pratiche delle avanguardie storiche, scombussola le regole del fumetto d'avventura tradizionale. I suoi lavori sono pubblicati in 26 paesi, inclusi Stati Uniti, Francia. Dagli anni Novanta pubblica regolarmente in Giappone creando la serie "Amore", ambientata in Sicilia, e "Yuri", entrambe edite dalla casa editrice Kodansha. Si trasferisce a Tokyo. Partecipa a edizioni speciali delle prestigiosa Magazine House Tokyo, Hon Hon Do e altre. In collaborazione con il musicista premio Oscar Ryuichi Sakamoto pubblica una storia scritta a 4 mani, che esce in Giappone e Italia. Espone a New York, Tokyo, Parigi, Ginevra, Milano. I suoi disegni sono utilizzati per tessuti, abiti, tappeti, serigrafie, sculture e giocattoli. Nel campo del design collabora tra gli altri con Studio Alchimia, Swatch, Alessi, Memphis. Le sue opere sono regolarmente pubblicate in Francia e in numerosi altri paesi. Nel 1994 espone i suoi lavori plastici e musicali alla Biennale di Venezia. Nel campo musicale incide, dal 1978 sino ai giorni nostri. Canta, suona, compone, pubblica i suoi album in tutta Europa con diverse formazioni. Altra grande passione, la radio. Dagli anni Settanta lavora come autore e conduttore radiofonico (Radio città del Capo-Popolare network e Radio 2 RAI). Nel 2000 fonda e dirige la casa editrice Coconino Press. Nel frattempo lavora alla serie "Baobab", scrive opere di narrativa e sceneggiature per il cinema. Viaggia, raccoglie testimonianze che diventano i suoi documentari disegnati: sono I quaderni Ucraini, I quaderni russi, I quaderni giapponesi, pubblicati in numerose lingue. Nel 2016 gli è stato assegnato il prestigioso Premio Napoli, con l'Alto Patrocinio della Presidenza della Repubblica, per la diffusione della cultura italiana nel mondo. Vive tra Parigi e la Sardegna. Nel 2019 porta alla Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia il film "5 è il numero perfetto" tratto dalla omonima graphic novel (pubblicata nel 2002 e tradotta in 15 paesi).

FILMOGRAFIA

2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy