50 primavere

Commedia garbata e malinconica tutta al femminile. Diretta da Blandine Lenoir, l’opera ritrae con partecipazione il passaggio tra una generazione e l’altra

19 dicembre 2017
3/5
50 primavere

Aurore è una cinquantenne divorziata, ha due figlie di cui una incinta. Passa da un lavoro all’altro e la prospettiva di diventare nonna, nonché la menopausa incombente, la riempie di perplessità.

Un giorno, per puro caso, Aurore ritrova Christophe, il suo primo amore adolescenziale, e da quel momento il desiderio di ricominciare una nuova vita, lasciandosi andare al sentimento nonostante gli anni trascorsi, si intreccia con le mille incombenze della vita quotidiana e i problemi di famiglia.

Diretta da Blandine Lenoir, 50 primavere è una commedia garbata e malinconica che fa perno sul tema abusato ma mai logoro del rimpianto per un passato irrimediabilmente perduto; giocata tutta in chiave femminile, l’opera ritrae con partecipazione il passaggio tra una generazione e l’altra – le più giovani divise tra speranza e pessimismo, le più mature disilluse – e la persistenza dei sentimenti nel tempo.

 

I personaggi sono ben caratterizzati – così come i dialoghi che, in un paio di sequenze, danno vita a situazioni godibilissime – e la protagonista, interpretata da Agnès Jaoui, convince per l’equilibrio tra simpatia e disincanto.

 

2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy