Keeper vince il TFF33

La Giuria composta tra gli altri da Valerio Mastandrea premia il film del belga Guillaume Senez . Premio del pubblico a Coup de chaud
28 novembre 2015
Festival, In evidenza, Premi
Keeper vince il TFF33
Keeper

Keeper vince la 33ma edizione del Torino Film Festival. La Giuria di Torino 33 – Concorso Internazionale Lungometraggi, composta da Valerio Mastandrea, Marco Cazzato, Josephine Decker, Jan-Ole Gerster, Corin Hardy, assegna all’opera del belga Guillaume Senez il premio come miglior film pari a € 15.000.

Premio Speciale della giuria – Fondazione Sandretto Re Rebaudengo (€ 7.000) a La patota di Santiago Mitre (Argentina/Brasile/Francia, 2015), che vince anche il Premio per la Miglior attrice, assegnato a Dolores Fonzi.
Premi importanti anche per il francese Coud de chaud di Raphaël Jacoulot, che porta a casa il Premio per il Miglior attore, attribuito a Karim Leklou, e il Premio del pubblico.

Premio per la Miglior sceneggiatura ex-aequo al cinese A Simple Goodbye di Degena Yun e al messicano Sopladora de hojas di Alejandro Iglesias Mendizábal.

Per quanto riguarda il concorso dei documentari, la giuria di Internazionale.doc, composta da Maja Bogojevic, Leonardo Di Costanzo, Marie Losier assegna i seguenti premi:

Miglior film per Internazionale.doc (€ 5.000) a Fi Rassi Rond-Point di Hassen Ferhani (Algeria/Francia, 2015). Premio Speciale della giuria per Internazionale.doc a Gipsofila di Margarida Leitão (Portogallo, 2015).

Nella gara tra i doc italiani invece, la giuria composta da Jonas Carpignano, Minnie Ferrara, Giovanni Giommi, assegna il premio come Miglior Film per Italiana.doc in collaborazione con Persol (€ 5.000) a Il Solengo di Alessio Rigo de Righi e Matteo Zoppis e il Premio Speciale della giuria a La gente resta di Maria Tilli (Italia, 2015).

La Giuria di Italiana.corti, composta da Dente, François Farellacci, Tiziana Lo Porto, assegna invece il Premio Chicca Richelmy per il Miglior film (€ 2.000 offerti da Associazione Chicca Richelmy) a Le dossier de Mari S. di Olivia Molnàr (Belgio, 2015) e il Premio Speciale della giuria a La dolce casa di Elisabetta Falanga (Italia, 2015).

Per quanto riguarda invece Spazio Torino – Cortometraggi realizzati da registi nati o residenti in Piemonte il Premio Achille Valdata per il Miglior cortometraggio in collaborazione con La Stampa – Torino Sette va a Tram Stories di Leone Balduzzi (Italia, 2015).

Infine il Premio Fipresci va a Les loups di Sophie Deraspe (Canada/Francia, 2015), mentre il Premio Cipputi – Miglior film sul mondo del lavoro viene assegnato a Il successore di Mattia Epifani (Italia, 2015)

 

2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy