Come diventare grandi nonostante i genitori

ITALIA - 2016
Sempre più spesso i genitori assumono comportamenti competitivi verso i professori dei propri figli: contestano voti e programmi, vaneggiano di simpatie, antipatie e complotti. Così, invece di aiutarli nella formazione dei loro ragazzi, diventano ostacoli insormontabili alla loro crescita. Presuntuosamente pensano: "Noi conosciamo meglio di chiunque altro i nostri figli e sappiamo quanto valgono e come e cosa gli si deve insegnare". È quello che accade anche a un gruppo di ragazzi quando, al liceo, arriva la nuova preside che decide di non aderire al concorso scolastico nazionale per gruppi musicali. Per i ragazzi, che hanno una passione sfrenata per la musica, è un colpo mortale e, anche quando i genitori corrono a protestare, la preside decide addirittura di raddoppiare il lavoro quotidiano dei ragazzi. Dopo i primi voti bassi, i genitori consigliano prudentemente ai ragazzi di sottostare alle decisioni della nuova preside. Tuttavia i ragazzi, con orgoglio, decidono di iscriversi al concorso musicale pur avendo contro scuola e genitori. La sfida pare impossibile e invece porterà i ragazzi a crescere in modo sorprendente tra ostacoli di ogni tipo da superare.

CAST

NOTE

- REALIZZATO IN ASSOCIAZIONE CON BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA AI SENSI DELLE NORME SUL TAX CREDIT.

- CANDIDATO AL DAVID DI DONATELLO 2017 PER LA MIGLIOR CANZONE ORIGINALE ("I CAN SEE THE STARS").

- MARGHERITA BUY E' STATA CANDIDATA AL NASTRO D'ARGENTO 2017 COME MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA (ANCHE PER "QUESTI GIORNI" DI GIUSEPPE PICCIONI).

CRITICA

"(...) film corale emanazione d'una serie («Alex e Co.») destinato non solo al pubblico teen. (...) Lucini usa stilemi da school movie senza mirare ai 3 metri sopra il cielo ma con sorpresa finale degna di questo nome e un entusiasmo collettivo che è la forza della storia che prenota sogni di gloria senza sfruttare sesso droga e rock'n'roll, ma con la voglia di piacere un poco a tutti." (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera', 24 novembre 2016)

"Da una serie molto amata su Disney Channel arriva un'espansione cinematografica dolce ed elegante dove Gennaro Nunziante, sceneggiatore storico per Checco Zalone, scrive un copione assai calibrato, con ottimo colpo di scena finale, per la regia del bravo Luca Lucini (...) schiera nel corpo insegnante e tra i genitori di Alex e Co. dei bravissimi attori italiani (Citran, Bruschetta, Pierobon e Albelli su tutti). Notevole Buy in un ruolo anche molto sexy." (Francesco Alò, 'Il Messaggero', 24 novembre 2014)

"(...) onesto prodotto Disney, per un target di dieci anni, che sfrutta la presenza dei «televisivi» 'Alex e Co.', per servire la solita gara musicale che darà una svolta alla vita di un gruppo di studenti, oltre a pillole sociologiche per 'dummies'." (Maurizio Acerbi, 'Il Giornale', 24 novembre 2016)

"Che dire? Le facce sono lucide come i posati pubblicitari, i ragazzi ribelli non dicono mai parolacce, la band musicale-liceale sembra un sottoprodotto dei musicarelli anni 60, i prof e i genitori (Buy, Mezzogiorno, perfino Matthew Modine per lancio estero) fanno rimpiangere Aldo Fabrizi, il Nunziante di Zalone ha preso appunti di sceneggiatura con carta e penna di proprietà Disney. Questa Italia delle famiglie non corrisponde neanche alla mera verità dell'Istat (il famoso pezzo di pollo per tutti)." ('Nazione-Carlino-Giorno', 24 novembre 2016)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy